Mediaevoluto’s Blog

ARGO SFIDA LA CRISI

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on settembre 28, 2009

Lavoriamo bene oggi per un domani sereno

Argo

VERONA – Si sfida la crisi nel veronese. A farlo, due imprenditori del luogo che remano contro corrente, inaugurando la nuova sede della loro azienda ARGO.

Fiduciosi dei propri strumenti e potenzialità, proprio in un momento di delicatezza e precarietà economica, Andrea e Simone Tomiozzo, decidono di investire nel presente.

Questa la ragione per cui Sabato, 3 Ottobre, daranno ufficialmente il via a una nuova scommessa: l’apertura di una nuova sede aziendale (in via Torricelli,12 San Martino B. Albergo, Verona)  in cui verrà presentata alle autorità istituzionali locali, il principio che spinge all’investimento in una territorio che ha dato e può dare molto in particolare quando, come Argo, si opera nei settori dell’Ambiente, Energia e Comunicazione.

Vecchi valori, ancora attuali, da cui ripartire quindi:

Per ARGO, infatti,  l’Ambiente è il luogo dove l’uomo vive e lavora; il compito primario è di renderlo più sicuro e rispondente ai requisiti di qualità e sicurezza previsti dalla legge rispettando in primis le esigenze delle risorse umane.

Per ARGO le Energie sono il motore essenziale della vita; conoscerle, ottimizzarne l’utilizzo, ridurne i costi di approvvigionamento e generazione, analizzare e limitare o eliminare gli sprechi, sono gli obiettivi primari da perseguire.

Per ARGO le Comunicazioni sono il fluido vitale della società moderna; da quando esiste, l’Uomo ha sentito il bisogno di comunicare, di interagire, di conoscere. L’obiettivo primario è quello di presentarsi efficacemente al mondo esterno utilizzando tutte le tecnologie disponibili.

Per approfondimenti www.argoit.com

Ufficio Stampa

Dott.ssa Serenella Chiodi

YOUTUBE TESTA SISTEMA PER SPOT

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on giugno 18, 2009

Scelta tra un unico messaggio lungo o piu’ messaggi corti

(ANSA) – SAN FRANCISCO – Google ha cominciato a testare su Youtube un sistema di visualizzazione degli spot pubblicitari.

Il sistema propone agli utenti di scegliere tra guardare un lungo, ma unico, messaggio prima del video, o piu’ messaggi, piu’ corti, durante la trasmissione del video stesso.

Una iniziativa per tentare di rendere redditizio il sito acquistato tre anni fa per 1,65 miliardi di dollari.

SOCIAL NETWORK ‘PIAZZE’ POLITICHE

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on giugno 18, 2009

Ricerca Swg, 2 utenti su 3 parlano di elezioni e partiti

(ANSA) – ROMA,  – I social network stanno assumendo sempre piu’ la forma di piazze politiche virtuali. Stando ai primi dati di un’indagine Swg.

Oltre 2 utenti su 3 (69%) hanno discusso di elezioni nei tre mesi precedenti alle Europee, scoprendo grazie ai siti sociali gli orientamenti politici dei propri amici.

La ricerca su oltre 1.200 utenti, evidenzia che il 59% del campione ha usato ‘molto’ o ‘abbastanza’ i social network per organizzare la partecipazione a iniziative politiche o civili.

Individuato il verde della “new communication”

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on maggio 21, 2009

meevo-nebbia

E’ STATO INDIVIDUATO QUESTA MATTINA IL VOLTO DEL FAMIGERATO SOGGETTO CHE DA QUALCHE GIORNO SI AGGIRA SUL WEB.

LO HA COMUNICATO POCHI MINUTI FA LA “GREENCITY”. “SIAMO RIUSCITI A INDIVIDUARLO GRAZIE A DECINE DI SEGANLAZIONI PERVENUTECI DA BLOGGER – DICE LA NOTIZIA – MA NONOSTANTE I NOSTRI INNUMEREVOLI SFORZI, NON RIUSCIAMO ANCORA AD AVERE UN’IMMAGINE NITIDA DI LUI.

GRAZIE, INFATTI – CONTINUA – A SOFISTICATI SISTEMI DI MONITORAGGIO DELLA WEB SFERA, ABBIAMO RAGGIUNTO IL MASSIMO RISULTATO: L’INGRANDIMENTI DI UN FERMO IMMAGINE CHE  PUR NON OFFRENDO  UNA QUALITA’ ELEVATA, POTRA’ CONDURCI DAL NOSTRO INDIZIATO ORAMAI CERTO”

DALLE ULTIME INDISCREZIONI, IL NOME DEL  SOGGETTO IN QUESTIONE  SEMBREREBBE ESSERE  “eevo” O ” …ivo”.

COSI’,  APPESI AD UNA VOCE DI CORRIDOIO, RESTIAMO IN ATTESA DI SAPERNE DI PIU’.

CHIUNQUE AVESSE MAGGIORI NOTIZIE PUO’ CONTATTARE LA REDAZIONE.

……CONTINUA…

Tagged with: ,

LA NUOVA COMUNICAZIONE SI TINGE DI “VERDE”

Posted in marketing, Uncategorized by mediaevoluto on maggio 20, 2009

SI TINGE DI VERDE LA NUOVA COMUNICAZIONE. L’EVOLUZIONE DELLO STATUS, IL CAMBIAMENTO, LA “METAMORFOSI”!

A DIFFONDERE LA NOTIZIA, L’AGENZIA “GREENCITY” NATA PER MONITORARE  IL CASO PIU’ ECLATANTE DEL MOMENTO. PARE, INFATTI, CHE SI AGGIRI DA QUALCHE GIORNO SUL WEB UN PICCOLO PERSONAGGIO VERDE.

AMBIGUO, SI DIREBBE, MA INNOCUO, SEMBREREBBE. POCHE, AL MOMENTO, LE INFORMAZIONI SULL’ARGOMENTO NONOSTANTE SI VOCIFERI QUALCHE IPOTESI SUL SUO NOME.

SOLO UN BISBIGLIO, UN RONZIO DI PASSAPAROLA. NESSUNO OSA, NESSUNO DICE.

E’ DI COLORE VERDE.  QUESTA, AD OGGI, L’UNICA CERTEZZA.

INTERNET: ARRIVA WOLFRAM ALPHA

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on maggio 19, 2009

Un motore di ricerca ‘intelligente’

(ANSA) – ROMA – Wolfram Alpha, il motore di ricerca semantico che punta a cambiare il modo di cercare informazioni sul web e’ in linea su Internet.

E’ stato ideato dall’informatico britannico Stephen Wolfram. La differenza con i motori di ricerca tradizionali sta nell’interpretazione semantica. Se in Google o Yahoo! si digita una domanda i motori riportano i link alle pagine web che contengono tutte o alcune delle parole.

Wolfram Alpha e’ in grado di comprendere la domanda e di fornire la risposta.

Facebook contro il ‘gioco dello stupro’, nasce gruppo con diecimila iscritti

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on maggio 18, 2009

La mobilitazione contro il videogame che simula violenze sessuali ‘RapeLay’ prende vita anche sul celebre social network, attraverso il quale si chiede “una più chiara regolamentazione e un piu’ attento monitoraggio del fenomeno” in Italia

Roma (Adnkronos) – Sono gia’ diecimila, ad oggi, le adesioni alla mobilitazione virtuale, attraverso Facebook, contro ‘RapeLay‘ il ‘gioco dello stupratore’, avviata solo tre giorni fa per chiedere la messa al bando del gioco nel nostro Paese, cancellandolo dal web. Ne da’ notizia lo staff di psicologi della societa’ ‘Obiettivo Psicologia’, che si e’ fatto promotore dell’iniziativa di sensibilizzazione.

In RapeLay (letteralmente ‘Disposto allo stupro’, gioco di parole tra ‘Rape=Stupro’ e ‘Replay=Ripetuto’ ) vince chi stupra di piu’. La simulazione, infatti, ‘insegna’ a molestare, perseguitare, adescare e violentare le proprie vittime ed e’ stata creata dalla Illusion, una societa’ di Yokohama, che lo ha lanciato nel 2006. La diffusione del gioco in questione e’ avvenuta attraverso il sito Amazon e grazie a una serie di negozi affiliati che lo hanno messo in vendita. In America e in Gran Bretagna – spiegano gli psicologi – sono riusciti a bandirlo dai siti web. In Italia, “pur essendo unanime la condanna, ancora non e’ stata intrapresa una forte azione di contrasto del fenomeno“.

Il gruppo nato su Facebook – ‘Mobilitamoci contro RapeLay‘ – chiede “una piu’ chiara regolamentazione e un piu’ attento monitoraggio del fenomeno. E nasce con l’intenzione di denunciare tutti questi tipi “di ‘prodotti’ altamente diseducativi e pericolosi”. L’obiettivo, inoltre, e’ contattare professionisti di rilievo, mass-media e politici di ogni schieramento per chiedergli di attivarsi, come altri Paesi civili hanno gia’ fatto, per bandire RapeLay anche dal nostro Paese e, di contro, per attivare azioni di sensibilizzazione ed educazione sul tema della sessualita’ e della violenza sessuale, scrivono i promotori del gruppo.

Arriva il telefono manda baci

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 29, 2009

E’ l’ultima invenzione del designer freelance Georges Koussouros che spiega “serve soprattutto per le relazioni a distanza”. Due labbra carnose sulla cornetta stabiliscono la pressione e l’intensità del ‘kiss’ che arriverà su misura a destinazione

                                                    

 

Roma – (Ign) – “Mi ami, ma quanto mi ami?”. La domanda della giovane figlia adolescente al fidanzatino, dopo ore e ore di telefonate in un gettonatissimo spot, è diventata ormai un tormentone. Passa invece subito dalle parole ai fatti il ‘Kiss Phone’ che ti permette di mandare il tuo bacio direttamente dall’altra parte della cornetta, corredato dal suono ‘Smack’ .

 

E’ l’ultima geniale trovata dell’inventore Georges Koussouros -anzi freelance designer – che ha pensato di dar vita a questo originale telefono che offre la possibilità di mandare o ricevere baci a distanza. Tasti coloratissimi a forma di cuore e labbra rosa carnose fanno il resto: misurano la pressione, l’intensità e la forza del tuo kiss che arriverà subito e su misura a destinazione.

 

Non solo. Se ci si sente particolarmente appassionati, si può inviare anche contemporaneamente a più persone, riceverlo da qualcun, dotato della stessa meraviglia tecnologica, oppure di scaricarlo sul desktop e caricarlo online. “E’ utile soprattutto per le relazioni a distanza” dice il suo creatore Georges Koussouros che ha tra le sue invenzioni al suo attivo anche un mixer per fertilizzanti e un antifurto per chiavi di casa.

 

“Serve per non spegnere la passione nella coppia – conclude – anche se ci si trova lontani chilometri. Provare per credere”. Per info http://www.proinvention.com

 

 

 

Arriva il computer mobile che ‘si disinfetta’

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 29, 2009

 Il Dolphin 9900hc resiste ai prodotti utilizzati per garantire la massima igiene del paziente. L’involucro esterno non subisce gli effetti nocivi dell’esposizione ripetuta ai solventi chimici

 

 Roma (Ign) – Nasce il primo computer mobile con involucro esterno disinfettabile. Il Dolphin 9900hc è stato specificamente ideato per garantire la sicurezza del paziente in ambienti dove è richiesta una continua igiene dei dispositivi.

Le strutture ospedaliere sono infatti in grado di ridurre il rischio di diffusione degli agenti patogeni adottando una soluzione di mobile computing per applicazioni nei punti di assistenza che possa essere rapidamente e facilmente disinfettata.

I solventi come i saponi per le mani, l’alcol isopropilico e i prodotti a base di candeggina e ammoniaca che sono utilizzati per eliminare gli agenti patogeni, indeboliscono le normali materie plastiche nel corso del tempo e creano fessure nei telai che possono portare a errori di scansione o a guasti.

 Il Dolphin 9900hc aumenta dunque il valore dell’investimento integrando un involucro esterno disinfettabile che resiste agli effetti nocivi dell’esposizione ripetuta ai solventi chimici normalmente utilizzati per la pulizia. “Le tradizionali soluzioni mobili possono riportare incrinature o spaccature ai telai che conducono a tempi di fermo nei sistemi progettati per ridurre gli errori medici. Questi tempi di fermo possono essere pericolosi e costosi per tutti in un ambiente sanitario, dove la pulizia e la sicurezza del paziente sono di vitale importanza”, ha dichiarato Garrison Gomez, Manager Mobility Marketing di Honeywell Scanning Mobility.

 “Il Dolphin 9900hc, appositamente progettato per questi ambienti, assicura che il computer mobile manterrà l’integrità del telaio per anni, anche dopo molti lavaggi e cicli di lavoro di 24 ore. Grazie all’involucro esterno disinfettabile del Dolphin 9900hc, gli operatori sanitari possono raggiungere e mantenere l’obiettivo generalmente noto come “The five rights”: il paziente giusto deve ricevere il farmaco giusto, al momento giusto, nella giusta dose e nel modo giusto. Il tutto, senza preoccuparsi della diffusione di agenti patogeni o di virus”.

 

 

Tutti su Facebook per un sogno: scrivere il ‘Romanzo Infinito’, una pagina che non muore

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 22, 2009

Siamo all’inizio del quarto capitolo e la storia ha avuto diversi colpi di scena

 

Conta quasi mille iscritti l’idea degli studenti di un liceo di Agropoli. Sul social network frammenti di storie senza punto. Il docente Rossi all’Adnkronos: ”Ognuno può lasciare una traccia nel racconto che non muore”. Il destino e la trama di questo scritto aperto ”e nelle tue mani, nelle nostre mani”

 

 

Salerno (Adnkronos) – Sognano di scrivere il romanzo più lungo della storia, quello che non conosce la parola fine. E in due settimane il loro gruppo è arrivato a contare finora 943 iscritti: sono quelli del gruppo Quelli del ”Romanzo Infinito”, il primo tentativo sul social network Facebook di realizzare un romanzo collettivo. E’ il frutto del lavoro di Nicola Rossi, un insegnante di italiano e latino di 43 anni del Liceo Scientifico ‘Alfonso Gatto’ di Agropoli, in provincia di Salerno, e dei suoi studenti delle classi 4 C e 4D.


L’idea – spiega all’ADNKRONOS il professor Rossi – è nata qualche tempo fa, con i ragazzi che mi avevano invitato a iscrivermi a Facebook. All’inizio ho nicchiato un pochino, poi mi sono iscritto controvoglia e pian piano mi sono accorto delle straordinarie potenzialità di questo strumento. Ho scoperto che c’era la possibilità di realizzare un progetto educativo sulla trama di un romanzo aperto”.

L’idea è partita da questa intuizione, ”poi hanno fatto tutto i ragazzi”. La penna e l’inchiostro per il ‘romanzo infinito’ è davvero in mano a tutti: ”Non c’è un limite – rimarca il docente agropolese – da 0 a 100 anni tutti possono contribuire a questa storia senza tramonto. A una sola condizione: l’ultimo frammento del testo, che non potrà superare le 16 righe, deve collegarsi a quello precedente, perché il romanzo continui sempre. Con questa formula, sarà una trama senza spazio e senza tempo. C’è davvero la possibilità che non finisca mai”.

”Già ora – racconta Rossi – siamo all’inizio del quarto capitolo e la storia ha avuto diversi colpi di scena. Ognuno può lasciare una traccia nel racconto che non muore. E c’è anche un forum sul quale discutere della costruzione del romanzo, dell’inserimento di nuovi personaggi e delle ‘svolte’ da dare alla narrazione”.

Non solo. Sembra che il progetto sia talmente piaciuto che ora, sottolinea il docente, ”anche tanti altri insegnanti, soprattutto le colleghe, hanno assicurato la loro partecipazione alla stesura” di una trama che non vedrà un punto all’ultimo capitolo.

Al ‘romanzo eterno’ sono invitati a partecipare tutti gli iscritti di Facebook semplicemente accedendo al gruppo Quelli del ”Romanzo Infinito”, aperto a tutti. Il ‘primo capitolo’ della storia senza fine inizia così: ”Quando Stella apri’ gli occhi, il sole era già alto. Dal letto della sua camera d’albergo, poteva godersi lo spettacolo di un cielo finalmente sgombro di nubi…”. La storia di quella ragazza corre ora sulla Rete, arricchendosi di particolari, piste, chiavi di lettura.

Insieme al gruppo su Facebook, gli alunni e il docente del liceo agropolese hanno realizzato anche un sito, sul quale è possibile leggere ciò che è stato scritto finora in una versione corretta da errori sintattici. Si chiama http://www.romanzoinfinito.altervista.org e anche qui si potrà sciogliere un dubbio: ‘Ma chi era davvero Gertrude Gallimard?‘.

Nel sito si dice che il progetto è ”il frutto di un sogno: quello di scrivere il romanzo senza fine. Lo scrittore ha già in mente la strada da percorrere. Il nostro, invece, è un sogno di libertà: percorrere le strade del mondo…senza bussola”. All’ombra del grande castello aragonese di Agropoli, che Marguerite Yourcenar menzionò nel racconto ‘Anna, soror’, ma anche sul mare azzurro che bagna la spiaggia di Trentova e lambisce lo scoglio di San Francesco, alcuni ragazzi hanno scommesso che su questo sogno non verrà la notte.

Dopo di loro, passeranno pensieri ed emozioni, piccole e grandi storie, ad altre mille o centomila mani. Il destino del romanzo e dei suoi personaggi ”e nelle tue mani, nelle nostre mani, nelle mani di chi vorrà partecipare” a una pagina che non si chiuderà mai.