Mediaevoluto’s Blog

QUANDO IL GIOCO DIVENTA MARKETING: BUSINESS E GAMING

Posted in marketing by mediaevoluto on aprile 30, 2009

di Serenella Chiodi

 

Il Marketing, oggi, passa anche attraverso il gioco. A darne l’ennesima testimonianza è la Sony Computer Entertainment, la quale, insieme alla facoltà di Scienze della Comunicazione di Roma, ha presentato il progetto Business and Gaming: prima ricerca italiana sulle opportunità offerte alle aziende dal Gaming e dai Social Network.

 

Business e Gaming rappresentano, infatti, “l’inizio di un filone di ricerca che aprirà nuove frontiere alle aziende innovative, attente agli effetti che la cultura ludica può portare nei piani di sviluppo industriale, soprattutto nell’ottica del Marketing” – come scrive Fabrizio Scatena in un articolo del 29 aprile scorso sul sito blog.pmi.it.

 

“L’obiettivo principale dell’indagine – continua – è di comprendere l’utilizzo del Gaming come leva di Marketing. Al momento esistono tre ambiti di interazione: Web Marketing, Web Recruiting e Fund Raising.

Il Web Marketing appare come una la declinazione e l’ambito di maggior interesse e applicabilità in relazione al Gaming. Esistono infatti, quattro tipologie di Ludic Marketing:

Advergame: giochi interattivi realizzati per comunicare messaggi pubblicitari per prodotti e brand, efficaci per portare traffico su un determinati sito

 

In-Game Advertising: pubblicità in forma di affissioni digitali presente nei videogiochi

 

Tube Game: giochi ideati per YouTube per promuovere brand e prodotti

 

Arg (Alternate Reality Game): una nuova forma di narrazione unita al Marketing. Non sono giochi online, ma integrazioni sulla narrazione di prodotti culturali come film e serie televisive che anticipano informazioni sulla loro trama.

Anche nell’ambito del Fund Raising si registra un significativo incremento dell’interesse verso i videogiochi. Associazioni e istituzioni sembrano sempre più attente nel definire strategie di raccolta fondi per le proprie iniziative.

 

Di recente anche il Web Recruiting si è aperto al gioco online. Nascono i primi Business Game aziendali, come i simulatori virtuali e i videogame online che usano il gioco per coinvolgere e valutare eventuali candidati ad un determinato posto di lavoro.

 

Vedremo se la ricerca Business e Gaming – conclude Scatena – riuscirà ad analizzare in modo scientifico le varie tipologie di Gaming correlate al Web, per poi individuarne i potenziali utilizzi in ambito aziendale. In caso positivo sarebbe un bel passo in avanti per integrare il sistema universitario al sistema d’impresa”.

 

 

 

Annunci

Arriva il telefono manda baci

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 29, 2009

E’ l’ultima invenzione del designer freelance Georges Koussouros che spiega “serve soprattutto per le relazioni a distanza”. Due labbra carnose sulla cornetta stabiliscono la pressione e l’intensità del ‘kiss’ che arriverà su misura a destinazione

                                                    

 

Roma – (Ign) – “Mi ami, ma quanto mi ami?”. La domanda della giovane figlia adolescente al fidanzatino, dopo ore e ore di telefonate in un gettonatissimo spot, è diventata ormai un tormentone. Passa invece subito dalle parole ai fatti il ‘Kiss Phone’ che ti permette di mandare il tuo bacio direttamente dall’altra parte della cornetta, corredato dal suono ‘Smack’ .

 

E’ l’ultima geniale trovata dell’inventore Georges Koussouros -anzi freelance designer – che ha pensato di dar vita a questo originale telefono che offre la possibilità di mandare o ricevere baci a distanza. Tasti coloratissimi a forma di cuore e labbra rosa carnose fanno il resto: misurano la pressione, l’intensità e la forza del tuo kiss che arriverà subito e su misura a destinazione.

 

Non solo. Se ci si sente particolarmente appassionati, si può inviare anche contemporaneamente a più persone, riceverlo da qualcun, dotato della stessa meraviglia tecnologica, oppure di scaricarlo sul desktop e caricarlo online. “E’ utile soprattutto per le relazioni a distanza” dice il suo creatore Georges Koussouros che ha tra le sue invenzioni al suo attivo anche un mixer per fertilizzanti e un antifurto per chiavi di casa.

 

“Serve per non spegnere la passione nella coppia – conclude – anche se ci si trova lontani chilometri. Provare per credere”. Per info http://www.proinvention.com

 

 

 

Arriva il computer mobile che ‘si disinfetta’

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 29, 2009

 Il Dolphin 9900hc resiste ai prodotti utilizzati per garantire la massima igiene del paziente. L’involucro esterno non subisce gli effetti nocivi dell’esposizione ripetuta ai solventi chimici

 

 Roma (Ign) – Nasce il primo computer mobile con involucro esterno disinfettabile. Il Dolphin 9900hc è stato specificamente ideato per garantire la sicurezza del paziente in ambienti dove è richiesta una continua igiene dei dispositivi.

Le strutture ospedaliere sono infatti in grado di ridurre il rischio di diffusione degli agenti patogeni adottando una soluzione di mobile computing per applicazioni nei punti di assistenza che possa essere rapidamente e facilmente disinfettata.

I solventi come i saponi per le mani, l’alcol isopropilico e i prodotti a base di candeggina e ammoniaca che sono utilizzati per eliminare gli agenti patogeni, indeboliscono le normali materie plastiche nel corso del tempo e creano fessure nei telai che possono portare a errori di scansione o a guasti.

 Il Dolphin 9900hc aumenta dunque il valore dell’investimento integrando un involucro esterno disinfettabile che resiste agli effetti nocivi dell’esposizione ripetuta ai solventi chimici normalmente utilizzati per la pulizia. “Le tradizionali soluzioni mobili possono riportare incrinature o spaccature ai telai che conducono a tempi di fermo nei sistemi progettati per ridurre gli errori medici. Questi tempi di fermo possono essere pericolosi e costosi per tutti in un ambiente sanitario, dove la pulizia e la sicurezza del paziente sono di vitale importanza”, ha dichiarato Garrison Gomez, Manager Mobility Marketing di Honeywell Scanning Mobility.

 “Il Dolphin 9900hc, appositamente progettato per questi ambienti, assicura che il computer mobile manterrà l’integrità del telaio per anni, anche dopo molti lavaggi e cicli di lavoro di 24 ore. Grazie all’involucro esterno disinfettabile del Dolphin 9900hc, gli operatori sanitari possono raggiungere e mantenere l’obiettivo generalmente noto come “The five rights”: il paziente giusto deve ricevere il farmaco giusto, al momento giusto, nella giusta dose e nel modo giusto. Il tutto, senza preoccuparsi della diffusione di agenti patogeni o di virus”.

 

 

RAI: STAGIONE SINFONICA SU WEB

Posted in News dal Web by mediaevoluto on aprile 29, 2009

Schubert e Beethoven diretti da Lonquich

 

(ANSA) – TORINO – L’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai, con Alexander Lonquich pianista e direttore, finira’,per la prima volta in Italia, sul web.

Succedera’ il 30 aprile, quando il maestro e l’orchestra eseguiranno le Sinfonie n.1 e n.2 di Schubert e il Concerto n.2 per pianoforte e orchestra di Beethoven.

Bastera’cliccare, alle 20.30, sul sito http://www.orchestrasinfonica.rai.it e si potra’vedere il concerto che il pubblico seguira’dal vivo all’Auditorium Rai di Torino.

PARLAMENTO: NASCE INTERGRUPPO WEB

Posted in News dal Web by mediaevoluto on aprile 29, 2009

Deputati e senatori di ogni schieramento aprono confronto

 

(ANSA) – ROMA – A Montecitorio nasce l’intergruppo Web 2.0, parlamentari di ogni schieramento uniti nella battaglia per un confronto col mondo della rete.

Con la prima rassicurazione lanciata proprio su Facebook: ‘Non vogliamo censurare la rete, anzi il contrario’. Nel gruppo di deputati e senatori molti giovani, abituati a Internet.

Tutti hanno un sito, un blog, una casella Facebook e raccontano di usare la rete per tenere i rapporti con gli elettori, concordi comunque nell’idea che ci sia molto da fare.

Tutti su Facebook per un sogno: scrivere il ‘Romanzo Infinito’, una pagina che non muore

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 22, 2009

Siamo all’inizio del quarto capitolo e la storia ha avuto diversi colpi di scena

 

Conta quasi mille iscritti l’idea degli studenti di un liceo di Agropoli. Sul social network frammenti di storie senza punto. Il docente Rossi all’Adnkronos: ”Ognuno può lasciare una traccia nel racconto che non muore”. Il destino e la trama di questo scritto aperto ”e nelle tue mani, nelle nostre mani”

 

 

Salerno (Adnkronos) – Sognano di scrivere il romanzo più lungo della storia, quello che non conosce la parola fine. E in due settimane il loro gruppo è arrivato a contare finora 943 iscritti: sono quelli del gruppo Quelli del ”Romanzo Infinito”, il primo tentativo sul social network Facebook di realizzare un romanzo collettivo. E’ il frutto del lavoro di Nicola Rossi, un insegnante di italiano e latino di 43 anni del Liceo Scientifico ‘Alfonso Gatto’ di Agropoli, in provincia di Salerno, e dei suoi studenti delle classi 4 C e 4D.


L’idea – spiega all’ADNKRONOS il professor Rossi – è nata qualche tempo fa, con i ragazzi che mi avevano invitato a iscrivermi a Facebook. All’inizio ho nicchiato un pochino, poi mi sono iscritto controvoglia e pian piano mi sono accorto delle straordinarie potenzialità di questo strumento. Ho scoperto che c’era la possibilità di realizzare un progetto educativo sulla trama di un romanzo aperto”.

L’idea è partita da questa intuizione, ”poi hanno fatto tutto i ragazzi”. La penna e l’inchiostro per il ‘romanzo infinito’ è davvero in mano a tutti: ”Non c’è un limite – rimarca il docente agropolese – da 0 a 100 anni tutti possono contribuire a questa storia senza tramonto. A una sola condizione: l’ultimo frammento del testo, che non potrà superare le 16 righe, deve collegarsi a quello precedente, perché il romanzo continui sempre. Con questa formula, sarà una trama senza spazio e senza tempo. C’è davvero la possibilità che non finisca mai”.

”Già ora – racconta Rossi – siamo all’inizio del quarto capitolo e la storia ha avuto diversi colpi di scena. Ognuno può lasciare una traccia nel racconto che non muore. E c’è anche un forum sul quale discutere della costruzione del romanzo, dell’inserimento di nuovi personaggi e delle ‘svolte’ da dare alla narrazione”.

Non solo. Sembra che il progetto sia talmente piaciuto che ora, sottolinea il docente, ”anche tanti altri insegnanti, soprattutto le colleghe, hanno assicurato la loro partecipazione alla stesura” di una trama che non vedrà un punto all’ultimo capitolo.

Al ‘romanzo eterno’ sono invitati a partecipare tutti gli iscritti di Facebook semplicemente accedendo al gruppo Quelli del ”Romanzo Infinito”, aperto a tutti. Il ‘primo capitolo’ della storia senza fine inizia così: ”Quando Stella apri’ gli occhi, il sole era già alto. Dal letto della sua camera d’albergo, poteva godersi lo spettacolo di un cielo finalmente sgombro di nubi…”. La storia di quella ragazza corre ora sulla Rete, arricchendosi di particolari, piste, chiavi di lettura.

Insieme al gruppo su Facebook, gli alunni e il docente del liceo agropolese hanno realizzato anche un sito, sul quale è possibile leggere ciò che è stato scritto finora in una versione corretta da errori sintattici. Si chiama http://www.romanzoinfinito.altervista.org e anche qui si potrà sciogliere un dubbio: ‘Ma chi era davvero Gertrude Gallimard?‘.

Nel sito si dice che il progetto è ”il frutto di un sogno: quello di scrivere il romanzo senza fine. Lo scrittore ha già in mente la strada da percorrere. Il nostro, invece, è un sogno di libertà: percorrere le strade del mondo…senza bussola”. All’ombra del grande castello aragonese di Agropoli, che Marguerite Yourcenar menzionò nel racconto ‘Anna, soror’, ma anche sul mare azzurro che bagna la spiaggia di Trentova e lambisce lo scoglio di San Francesco, alcuni ragazzi hanno scommesso che su questo sogno non verrà la notte.

Dopo di loro, passeranno pensieri ed emozioni, piccole e grandi storie, ad altre mille o centomila mani. Il destino del romanzo e dei suoi personaggi ”e nelle tue mani, nelle nostre mani, nelle mani di chi vorrà partecipare” a una pagina che non si chiuderà mai.

GOOGLE: ANCHE RICERCA PER IMMAGINI

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 22, 2009

Celebre motore di ricerca lancia ‘Google Similar Images’

 

(ANSA) – ROMA – Ora su Google si possono fare ricerche di immagini a partire da altre immagini. E’ una nuova funzione lanciata dal celebre motore di ricerca.

Google Similar Images consente di fare delle ricerche a partire da immagini anziche’ da parole.

C’e’ un altro nuovo servizio, Google News Timeline: permette di visualizzare in modo cronologico il risultato di una ricerca d’attualita’, associando sotto forma di logo il risultato di una ricerca effettuata a partire dalla sezione ”attualita”’ di Google News.

INTERNET: FUTURO E’ DEGLI ANZIANI

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 22, 2009

Tasso di progressione piu’ alto nell’uso del web

 

(ANSA) – MADRID – Sono gli anziani il futuro di internet. Una previsione annunciata dagli esperti riuniti a Madrid al Convegno WWW2009 sul futuro del web.

Le persone anziane rappresentano la fascia d’eta’ con il tasso di progressione piu’ alto nell’uso del web. Il 45% degli americani tra i 70 e i 75 anni ha utilizzato internet nel 2008, contro il 26% di tre anni prima.

Inoltre, tra coloro che hanno piu’ di 76 anni, la percentuale di utilizzatori e’ salita dal 17 al 27% tra il 2005 e il 2008.

TECNOMAX A X FACTOR

Posted in Azienda by mediaevoluto on aprile 21, 2009

La Tecnomax di Verona approda su Rai uno

 

E’ l’azienda veronese Tecnomax a sbarcare sulla grande rete nazionale, domenica 19 aprile scorso.

 

Tutto è avvenuto, infatti, durante la consegna del triplo disco di platino a Renato Zero durante la finale di X Factor.

 

La teca in Plex e Acp “Aluwell” è stata realizzata da

 

 

tecnomax

P L A S T I C S  I M A G I N G

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=XEytyXIHFVU

  

 

I film di Hollywood sbarcano su YouTube

Posted in Uncategorized by mediaevoluto on aprile 21, 2009

Il portale di video sharing ha stretto accordi con MGM, Lions Gate, Discovery Communications e National Geographic. Per ora le intese riguardano solo gli Stati Uniti. Ma, assicura la società, “stiamo cercando il modo di allargarle ad altre regioni del mondo il prima possibile”

 

holliwood

 

Los Angeles (Adnkronos) – Alcune pietre miliari del cinema hollywoodiano come ‘Cliffhanger’ o la versione del 1967 di ‘Casino Royale’ sono visibili su YouTube in Usa, dopo che il notissimo sito web che consente la condivisione di video tra i suoi utenti ha annunciato – secondo quanto riporta la Bbc – una partnership con Sony.

Più noto per video musicali e cortometraggi artigianali più o meno curiosi e divertenti, YouTube vuole espandere il suo ‘archivio’ anche ai film, dopo aver già fatto molti accordi con emittenti televisive per mostrare show o spezzoni di trasmissioni andate in onda sul piccolo schermo.

Così sono stati siglati accordi analoghi a quello con la Sony anche con MGM, Lions Gate, Discovery Communications e National Geographic. Per ora le intese riguardano solo gli Stati Uniti. Ma “stiamo cercando il modo di allargarle ad altre regioni del mondo il prima possibile”, ha scritto la responsabile prodotto di YouTube, Shiva Rajaraman, sul blog della societa’.

La scelta dipendera’ caso per caso dalle compagnie detentrici dei diritti nei diversi territori. Il numero di utenti di YouTube negli States ha toccato a gennaio la cifra record di 100 milioni.

E la società è ormai un diretto concorrente di emittenti come Nbc e Bbc che hanno cominciato a trasmettere i loro programmi anche in streaming su internet. In Itali anche Rai e Mediaset stanno iniziando le trasmissioni in simulcast sul web, coscienti che soprattutto tra le nuove generazioni il tempo che si passa davanti al computer (anche a guardare video) sta diventando superiore a quello passato davanti al ‘tradizionale’ televisore.